INFORMAZIONI SULLA FATTURAZIONE 2023

Pagina in continuo aggiornamento (ultima modifica 22 dicembre 2023)

Informiamo che sono state introdotte nuove agevolazioni tariffarie a beneficio delle utenze maggiormente colpite dall’alluvione, come indicato dalla delibera ARERA n. 565/2023/R/com del 30 novembre 2023.

Le agevolazioni si applicano esclusivamente  alle utenze alluvionate i cui immobili siano risultati compromessi nella loro integrità funzionale (sulla base delle casistiche indicate all’art. 3 della delibera 565/2023 e, per le sole utenze non domestiche, dall’Ordinanza del 25/10/2023 n.11) previo invio di ulteriore comunicazione, e consistono nella riduzione della tariffa rifiuti, corrispondente al costo dei mesi da maggio a ottobre 2023.

Per beneficiare dell’agevolazione sopra indicata occorre presentare nuova richiesta (CLICCA QUI per scaricarla) e rispettare uno dei seguenti criteri*:

  • (se utenza domestica) l’abitazione è risultata compromessa nella sua integrità funzionale sulla base o di un’ordinanza di sgombero, o di un ordine di evacuazione oppure di idonea documentazione rilasciata dal Comune territorialmente competente;
  • (se utenza non domestica) la sede è risultata compromessa nella sua integrità funzionale sulla base di una perizia asseverata o giurata, con riferimento ai soli danni tali da rendere necessaria la ricostruzione dell’immobile e/o la sua delocalizzazione, anche temporanea.

La nuova richiesta di agevolazione deve essere presentata anche da chi aveva già spedito la precedente dichiarazione di compromissione dell’integrità funzionale dell’immobile, per la sospensione dei termini di pagamento della fattura di igiene urbana.

Il modulo di richiesta può essere anche compilato dallo Sportello Online  e mandato direttamente in automatico all’azienda.

__________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

*Nel dettaglio è possibile di seguito consultare l’articolo 3 della delibera 565 del 30 novembre 2023 di ARERA e, per le sole utenze non domestiche, l’ordinanza n. 11 del 25 ottobre 2023:

1) Art. 3 delibera 565/2023 comma a):

– in caso di utenze e/o forniture domestiche la dichiarazione sostitutiva di atto notorio, resa ai sensi dell’articolo 47 del testo unico di cui al d.P.R 445/00 attestante che l’utenza o fornitura è asservita ad un’abitazione che sia risultata compromessa nella sua integrità funzionale, in conseguenza degli eventi alluvionali verificatisi nel mese id maggio 2023 sulla base di un’ordinanza di sgombero o di un ordine di evacuazione o di idonea documentazione rilasciata dal Comune territorialmente di competenza.

2) Art. 3 delibera 565/2023 comma b):

–  in caso di forniture e/o utenze non domestiche, la dichiarazione sostitutiva di atto notorio, resa ai sensi dell’articolo 47 del testo unico di cui al d.P.R. 554/00 attestante che l’utenza o fornitura è asservita ad una sede che sia risultata compromessa nella sua integrità funzionale in conseguenza degli eventi alluvionali verificatisi nel mese di maggio 2023 sulla base di una perizia asseverata o giurata, con riferimento ai soli danni di cui alle lettere a), b) e c) dell’articolo 3 dell’ordinanza del 25 ottobre 2023, n. 11 (ossia, danni tali da rendere necessaria la ricostruzione dell’immobile e/o la sua delocalizzazione, anche temporanea):

  1. a) la ricostruzione in sito dell’immobile ad uso produttivo distrutto, previa demolizione dei manufatti danneggiati, se le riparazioni o gli adeguamenti alla vigente normativa degli stessi sia valutata impossibile o maggiormente onerosa della ricostruzione;
  2. b) la delocalizzazione, all’interno della regione, se necessario, previa demolizione dell’immobile ad uso produttivo distrutto, se la relativa ricostruzione in sito non sia possibile in base ai piani di assetto idrogeologico, agli strumenti urbanistici vigenti o sulla base di indagini conoscitive e studi elaborati o commissionati dalla pubblica autorità sui rischi idrogeologici ed idraulici presenti nell’area su cui insiste l’immobile;
  3.  c) la delocalizzazione temporanea per il tempo strettamente necessario alla realizzazione dei lavori di ripristino, nei casi in cui non occorre procedere alla demolizione dell’immobile ad uso produttivo, ma sono comunque presenti impedimenti aventi natura temporanea, determinati dagli eventi alluvionali, che non consentono una immediata ripresa delle attività produttive e/o agricole.

__________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Consulta le FAQ dedicate alle “Informazioni fatturazione 2023” QUI.